TEMI

I nostri denti – sotto pressione da ogni lato

Masticano tonnellate di cibo, resistono a pressioni estreme, ma sono anche altamente vulnerabili – qualche breve nozione di odontoiatria.

Altri strumenti utili - Masticano tonnellate di cibo, resistono a pressioni estreme, ma sono anche altamente vulnerabili – qualche breve nozione di odontoiatria.

Normalmente una persona ha 32 denti. Ogni dente svolge un lavoro duro ed è costantemente sotto attacco. Già solo masticando il cibo si esercitano su un dente fino a 30 kg di forza – e questo qualche migliaio di volte al giorno

Altri strumenti utili - Struttura robusta e fissati saldamente...

Struttura robusta e fissati saldamente...

I denti hanno funzioni differenti: gli incisivi servono per tranciare il cibo. I canini sono usati per mordere i cibi duri da masticare, si tratta dei denti più forti e con le radici e le corone più lunghe. I premolari sono relativamente piccoli e sminuzzano grossolanamente, mentre i molari, più grandi e arretrati, servono a triturare completamente il cibo. Durante la masticazione devono sopportare la pressione maggiore e sono fissati da radici in numero da due a quattro.

I denti naturali hanno perciò una struttura robusta. Lo smalto, lo strato più esterno della corona, è la sostanza più dura del corpo umano. I componenti principali sono fosfato e carbonato di calcio e la particolare durezza è dovuta all'incorporazione di fluoro.

Le gengive proteggono il colletto, molto sensibile, e fissano il dente nella mascella. La saliva è un detergente naturale: innanzi tutto lava via i batteri e i residui di cibo e in secondo luogo forma con i suoi enzimi uno strato protettivo – la cosiddetta pellicola – e tiene così sotto controllo i batteri nocivi.

Altri strumenti utili - ... ma vulnerabili

... ma vulnerabili

Malgrado le loro eccellenti qualità: i denti possono essere attaccati facilmente. I batteri producono acidi che sciolgono i minerali dello smalto dentale. Però gli acidi di provenienza alimentare, come quelli dei succhi di frutta, sono neutralizzati dalla saliva. Pertanto è consigliabile attendere 30 - 60 minuti prima di lavare i denti dopo aver mangiato, in modo che la saliva possa svolgere la sua funzione neutralizzante.

Anche i dentifrici molto abrasivi, ossia quelli con polvere lucidante grossolana, con il passar del tempo attaccano lo smalto dei denti. Generalmente se i colletti dei denti sono esposti, ciò è dovuto a una pulizia eccessivamente energica con spazzolini duri: lentamente ma inesorabilmente le gengive si ritirano.

xs
sm
md
lg